Innovation Manager in azienda (Knowledge Model)

“Gestire l’innovazione in una azienda, è fare in modo che quest’ultima possa esprimere il proprio business al meglio del “potenziale distintivo” e intraprendere la navigazione in “oceani blu”, dove è ancora possibile inventare il proprio futuro”.  (Giovanni Mappa, 2020)

Il Knowledge Model dell’Innovation Manager che opera all’interno di una azienda, si basa su diversi livelli operativi:

    1. sviluppo della cultura e della consapevolezza del cambiamento come fattore di benessere per le risorse coinvolte e per l’impresa;
    2. l’individuazione del dove siamo e come possiamo “distinguerci nel nostro mercato di riferimento (AS-IS);
    3. la definizione di strategie di breve-medio e lungo termine sostenibili per lo sviluppo del business così come lo “desideriamo”  (TO-BE);
    4. la definizione degli strumenti e delle tecnologie innovative che possono supportare tale sviluppo;
    5. il monitoraggio e adattamento continuo della rotta del business (v. Balanced Scorecard).

L’Innovation Manager ha innanzi tutto il ruolo del “facilitatore” dei processi che portano allo sviluppo dell’innovazione, nonché il ruolo del  “coach“, in relazione al “bilanciamento delle competenze e delle tecnologie innovative” di supporto.

 

Ricerca & Sviluppo e Innovazione nelle Imprese

Attività/Servizi

ANOVAstudi svolge da oltre 20 anni, attività di consulenza nell’ambito dei progetti di Ricerca & Sviluppo e dei processi di Innovazione (RSI) nelle imprese. Si occupa prevalentemente di studiare e analizzare le esigenze funzionali o di innovazione nell’ambito di processi/soluzioni/prodotti, dall’idea/concept, alla prototipazione, alla gestione e protezione dei diritti di proprietà intellettuale, fino alla fase di ingegnerizzazione e commercializzazione.

In particolare, le Attività/Servizi si riferiscono alle seguenti principali

    • Ricerca Industriale  e Sviluppo Sperimentale (RI/SS)
    • Innovation Management e R&D Project Management
    • Valorizzazione della Proprietà Intellettuale (IPR)
    • Individuazione e Formazione di “Talenti Interdisciplinari(Interdisciplinary Talent Factory).
    • Knowledge Broker e sviluppo di Modelli di Conoscenza Competitiva;
    • Technology Broker (Meccatronica, Intelligenza Artificiale, ICT, IoT, Automazione, Sensoristica, ecc.);
    • Analisi Strategica di Opportunità di Business;

Le Aree Operative  di maggiore interesse sono qui di seguito elencate:

 

 

Gestione Interdisciplinare dell’Innovazione

L’innovazione è ciò che distingue un leader da un follower (Steve Jobs )

La gestione dell’innovazione (o in inglese: innovation management) è la gestione dei processi di innovazione dal punto di vista del prodotto e dell’organizzazione. La gestione dell’innovazione prevede un insieme di strumenti che permettano ai manager e agli ingegneri di cooperare per una comprensione dei processi e degli obiettivi in comune. Tale gestione permette all’organizzazione di rispondere ad opportunità esterne o interne, e di usare la propria creatività per introdurre nuove idee, processi o prodotti[1]; non è relegata “solo” all’area di “Ricerca e sviluppo“, ma coinvolge i dipendenti ad ogni livello nella contribuzione creativa allo sviluppo del prodotto della società, nella produzione e nel marketing.

L’Innovation Manager è colui che conduce la ricerca in azienda trasformandola in opportunità strategica di business per il futuro”.

ANOVA studi  offre servizi di consulenza interdisciplinare,  dalla pianificazione alla gestione interdisciplinare dei processi di innovazione, nel paradigma di  Industria 4.0 e dell’Open Innovation.

La gestione dell’innovazione  riguarda tutte le fasi del processo di innovazione: dalla analisi del mercato per individuare bisogni espliciti o latenti, alla fase creativa di generazione e selezione delle idee, dalla fase di sviluppo prodotto e dell’organizzazione, a quella di validazione, dalla industrializzazione al lancio dell’innovazione sul mercato, dalla commercializzazione e sviluppo delle eventuali varianti o nuove versioni al ritiro stesso dal mercato. La gestione dell’innovazione comprende,  un sistema di processi, di tecniche e strumenti, che consentono ai manager, creativi, ingegneri e commerciali di collaborare con una comune comprensione dei processi e degli obiettivi per introdurre innovazioni sul mercato al fine di creare valore per gli stakeholder.

Ad oggi sono oltre 30 gli standard sviluppati in 10 diverse nazioni tra cui spiccano la serie sovranazionale di Specifiche Tecniche europee CEN TS 16555 sull’Innovation Management.

La gestione dell’innovazione prevede un insieme di strumenti che permettano ai manager e agli ingegneri di cooperare per una comprensione dei processi e degli obiettivi in comune.  Tra gli strumenti a disposizione vi sono in generale:

Tipologie Metodologie e strumenti
Strumenti di Gestione della Conoscenza Knowledge auditKnowledge mapping (mappatura della conoscenza), gestione della documentazione, IPR Management
Tecniche di Market Intelligence Ricerca e visione della tecnologia, analisi dei brevettiBusiness IntelligenceCRM, Geo-Marketing
Strumenti di Rete e Cooperazione GroupwareTeambuildingSupply Chain Management, Industrial Clustering
Tecniche di gestione delle risorse umane TelelavoroIntranet aziendale, assunzione via internet, e-learningCompetence management
Approccio di gestione dell’interfaccia Ricerca e sviluppo – Marketing Interface Management, Concurrent Engineering
Tecniche di sviluppo della creatività Brainstormingpensiero lateraleTRIZ, metodo Scamper, mappe mentali
Tecniche di miglioramento del processo BenchmarkingWorkflowBusiness Process Re-engineeringJust-in-Time
Tecniche di gestione di progetti d’innovazione Project ManagementProject appraisalProject Portfolio Management
Strumenti di progettazione e sviluppo del prodotto Sistemi CADprototipazione rapida, approcci di usabilitàQuality Function Deployment, analisi del valore
Strumenti per la creazione d’affari Business simulationBusiness plan, Spin-off da ricerca di mercato

 

Piano di Innovazione Digitale dell’Impresa

  1. Indicazioni generali per la redazione del Piano di Innovazione Digitale 
  2. Schema di Piano di Innovazione Digitale

 

 

Aree Tematiche di Trasformazione Tecnologica e Digitale

    1. Big Data e Analisi dei Dati
    2. Cloud, Fog e Quantum Computing
    3. Cyber Security
    4. Integrazione delle tecnologie della Next Production Revolution (NPR) nei processi aziendali, anche e con particolare riguardo alle produzioni di natura tradizionale
    5. Simulazione e sistemi cyber-fisici
    6. Prototipazione Rapida
    7. Sistemi di Visualizzazione, Realtà Virtuale (RV), Realtà Aumentata (RA) e Realtà Ibrida (RI)
    8. Robotica Avanzata e Collaborativa (COBOT)
    9. Interfaccia Uomo-Macchina
    10. Manifattura Additiva e Stampa Tridimensionale
    11. Internet delle Cose (IoT) e delle Macchine (Industria 4.0)
    12. Integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali   (Digital Transformation)
    13. Programmi di Digital Marketing, quali processi trasformativi e abilitanti per l’innovazione di tutti i processi di valorizzazione di marchi e segni distintivi (c.d. “branding”) e sviluppo commerciale verso mercati.
    14. Programmi di Open Innovation
    15. Comprendere il DNA del DARQ

AMMODERNAMENTO degli ASSETTI GESTIONALI ed ORGANIZZATIVI dell’IMPRESA, compreso l’ACCESSO ai MERCATI FINANZIARI e dei CAPITALI